Non solo ads nello status: con WhatsApp click-to-message sarà possibile sponsorizzare l’inizio di una conversazione con l’utente

Quando a inizio del 2018 Facebook ha annunciato il rilascio delle API di WhatsApp, la maggior parte dei giornalisti del settore hanno commentato la notizia ipotizzando le diverse opzioni attraverso le quali l’azienda avrebbe finalmente iniziato a monetizzare attraverso l’utilizzo dell’applicazione.

L’opinione diffusa era focalizzata sul modo in cui le imprese avrebbero potuto sfruttare questo canale per comunicare con i loro clienti attraverso l’applicazione della cornetta verde.

Pochi invece avevano inizialmente immaginato che Facebook avrebbe cercato di monetizzare non solo sui messaggi scambiati con gli utenti ma anche sull’inizio della conversazione stessa.

Per non perdere questa opportunità, Facebook ha dato vita ad un nuovo tipo di ad: le WhatsApp Click-to-Message.

Sempre più aziende sfruttano WhatsApp per vendere: dal primo contatto fino all’acquisto, tutto attraverso la conversazione ☝️

Molte aziende non solo desiderano comunicare e supportare i loro clienti attraverso i canali di messaggistica diretta, ma utilizzano questi strumenti per generare lead, conversazioni e arrivare alla vendita del prodotto o del servizio passando solo ed esclusivamente attraverso la conversazione con il loro cliente.

Tutto ció che viene venduto online e richiede una qualsiasi forma l’intervento di un’interazione umana prima della finalizzazione dell’acquisto, deve passare attraverso un contatto attraverso email, telefono o attraverso un’applicazione di messaggistica ed in un contesto B2C non esiste migliore alternativa all’applicazione più scaricata di sempre.

WhatsApp introduce le nuove pubblicità Click-to-chat

In cosa consistono le nuove ads WhatsApp
Click-to-chat?

Facebook, che ha intuito questo trend da tempo, ha deciso di non farsi scappare questa opportunità per portare avanti su più fronti il processo di monetizzazione.    

Presto, attraverso la sua piattaforma pubblicitaria, le aziende potranno scegliere di includere nei loro banner sponsorizzati la possibilità per l’utente di iniziare una conversazione con l’azienda, assicurando nella grande parte dei casi che un click si converta in una lead qualificata (una volta iniziata la conversazione, l’azienda entra in possesso del numero di telefono).

Quando potremo iniziare ad utilizzare questo nuovo canale di advertising? 

Non si conoscono ancora i dettagli sulle funzionalità e sui costi di questo nuovo strumento ma non passerà molto tempo tra il rilascio delle API di WhatsApp Business, previsto per gennaio 2019, e il lancio sul mercato di questo nuovo strumento di pubblicità.

Il rilascio delle API rimane di fondo la condizione necessaria per un funzionamento scalabile di questa tecnologia poichè permetterà alle aziende di gestire in maniera strutturata il loro servizio al cliente attraverso WhatsApp grazie a soluzioni come la nostra.

Restiamo in attesa di vedere cosa ci riserva l’inizio del 2019, anno in cui WhatsApp cambierà il modo in cui le aziende comunicano con i loro clienti.  

WhatsApp si aspetta di rilasciare le API a gennaio 2019
Linkedin - Come funzionano le nuove pubblicità su WhatsApp

Sull’autore: Ciao! Sono Carlo e sono uno dei co-fondatori di Callbell, la piattaforma di supporto clienti e Live Chat che permette alle aziende di comunicare con i loro clienti attraverso le principali applicazioni di messaggistica diretta come WhatsApp, Facebook Messenger, Instagram Direct e Telegram.